PIGNE

La pigna è un simbolo antico come il mondo tanto che lo ritroviamo nell’antico Egitto, in Babilonia e in Grecia quale emblema del divino e dell’immortalità. Essendo un frutto generato da un sempreverde, la pigna simboleggiava la forza vitale e l’eternità, mentre per l’abbondanza dei suoi semi era un chiaro richiamo alla fecondità e alla forza generatrice di vita. Spesso la si associava anche all’uovo cosmico, allo zero e quindi alla nascita e alla creazione del genere umano. Ma la pigna è anche simbolo di fertilità della mente che produce idee di rinnovamento e crescita in quanto la sua forma ovoidale è associata in diverse culture alla ghiandola pineale del cervello umano. Avendo un’accezione molto positiva, fin dai tempi antichi è consuetudine regalarla o adornarne la propria casa affinché sia di buon auspicio per la famiglia. Per il suo bellissimo significato è molto indicato come regalo agli sposi, a chi ha appena inaugurato casa o per felicitare una nascita. Qualunque sia l’utilizzo che se ne faccia, sarà sempre un regalo molto apprezzato perché indiscutibilmente elegante e perché lo accompagna un messaggio di prosperità e serenità per chi lo riceve. Dei suoi valori traslati vi sono tracce evidenti in Sicilia dove la pigna in ceramica è un oggetto che fa parte ormai della tradizione ed è molto richiesta per il messaggio di fortuna e prosperità che porta in sé. In Sicilia è così sentita questa tradizione che la pigna in ceramica è presente in quasi tutte le abitazioni: sui pilastri posti all’entrata, sui balconi o all’interno delle stanze come semplice ornamento. Oggi le pigne artistiche, usate come bomboniere, regalo di nozze, complementi di arredo per interni ed esterni o come base lampada accompagnata da un opportuno paralume, restano un modo esclusivo di esprimere un profondo augurio di benessere. Non dimenticatele rosso fuoco sotto l’albero, la pigna è anche simbolo del Natale. Questi significati si materializzano tra le mani di abili artigiani della ceramica che realizzano pigne di grandi e piccole dimensioni, veri e propri oggetti d'arte. A partire dal tornio il ceramista forgia la calotta di base ed il piede di appoggio che verranno uniti a seguito di una prima asciugatura. Poi, con grande maestria e meticolosità, l’artigiano modella una ad una le brattee della pigna, usando esclusivamente le dita delle mani. Non esiste risultato finale più armonico e affascinante, esaltato a seguito dalla cottura a smalto con colori classici come il bianco, l’avorio, il verde ramina, ma anche gli smalti rosso, nero e blu cobalto.